Cessione del quinto

La cessione del quinto dello stipendio è un prestito così chiamato proprio perché l'importo massimo della rata non può superare 1/5 dello stipendio mensile netto (cioè il 20%).

In alcuni casi, a discrezionalità del datore di lavoro, è possibile finanziare anche il 50% dello stipendio mensile netto sommando cessione e delega.

Ecco come si evade una cessione del quinto:

  • L'erogazione avviene tramite assegni circolari non trasferibili intestati al cliente, oppure tramite bonifico bancario su un conto corrente intestato al cliente stesso.
  • La rata viene trattenuta mensilmente direttamente dallo stipendio o dalla pensione.
  • La durata della restituzione del prestito varia da un minimo di 24 mesi fino ad un massimo di 120 mesi.
  • La durata della cessione può superare il termine del rapporto di lavoro.
  • Per quanto riguarda i pensionati, invece, la restituzione non può superare il 90° anno di età del richiedente.

Per questo ed altri motivi, la legge prevede la stipula di un'assicurazione rischio vita ed impiego.

Per quanto riguarda il “rischio impiego”, invece, l'assicurazione interviene per la quota non coperta dalla liquidazione maturata, ma ha diritto di rivalsa nei confronti del debitore.

Per quanto riguarda i lavoratori con contratto a tempo determinato, il prestito può essere erogato purché la durata del finanziamento non superi quella del contratto a termine.

Per i privati, l'importo massimo finanziabile si determina dalla liquidazione maturata (TFR - trattamento di fine rapporto -), dallo stipendio netto per quanto riguarda i dipendenti e dall'entità della pensione per quanto riguarda i pensionati.

Non necessita nessun tipo di garanzia poiché la garanzia stessa è fornita dallo stipendio e dal TFR, per l'eccedenza del TFR viene stipulata una polizza assicurativa che copre sia il rischio vita che il rischio impiego.

Un enorme vantaggio del finanziamento tramite la cessione del quinto è quello che può essere erogato anche se si è protestati, pignorati o classificati come cattivi pagatori.

E' anche possibile estinguere anticipatamente il debito a seconda delle clausole stabilite dal contratto stipulato.

Così come è possibile accedere al finanziamento per i lavoratori neoassunti a tempo indeterminato anche senza TFR, valutando caso per caso.

Riassumendo, la cessione del quinto dello stipendio offre i seguenti vantaggi:

  • Importo massimo della rata pari ad 1/5 dello stipendio (cioè il 20% dello stipendio mensile netto);
  • Rata trattenuta mensilmente dallo stipendio, direttamente in busta paga;
  • Rata fissa per tutta la durata del finanziamento
  • Durata variabile da un minimo di 24 mesi ad un massimo di 120 mesi;
  • E' concessa anche ai protestati;
  • Polizza assicurativa “rischio vita” e “rischio impiego”;
  • Non necessita di alcuna motivazione;
  • Estinzione anticipata del debito con recupero degli interessi non maturati.



News del 12/03/2016

Rinegoziazione cessione del quinto!

Sei interessato a rinegoziare la tua cessione del quinto? Contattaci subito chiariremo ogni tuo dubbio, risponderemo a qualsiasi domanda oppure richiedi un preventivo e verrai contattato dal nostro staff!

 

Ma quali sono i criteri principali per poter ottenere il rinnovo del finanziamento?

Il criterio principale è quello di aver rimborsato almeno il 40% del prestito ossia se ad esempio la durata del finanziamento è di 120 mesi allora (0,40*120=48) alla rata n°48 è possibile rinegoziare il prestito. La formula principale è:( 0,40* n°delle rate) e in questo modo si ottiene quando è possibile richiedere la rinegoziazione del finanziamento sia per dipendente che per pensionato!

Se soddisfatto questo criterio allora si procederà ad analizzare la condizione del cliente che è la medesima per ottenere un finanziamento.

Una volta rientrati nella categoria che garantisce la fattibilità del finanziamento allora si procederà alla lavorazione della pratica tramite la richiesta del certificato di stipendio se dipendente o della quota cedibile per i pensionati.

Dopo questa fase è possibile caricare la pratica.

Il passo principale è la richiesta del conteggio estintivo dove vengono scalati i costi delle commissioni e tutti gli interessi(TAN) per la parte non goduta. Questo consente l'estinzione del debito in corso ed avere maggiore liquidità a disposizione.

In questo modo dopo l'erogazione della nuova cessione è possibile richiedere, qualora il cliente ne avesse diritto il rimborso delle quote pagate ma conteggiate come insolute e richiedere anche la somma di premio assicurativo pagato dal cliente all'inizio della precedente cessione. La somma del premio corrisponde alla parte di periodo non goduto ovvero se il cliente ha contratto una cessione di durata di 120 mesi e rinegozia il finanziamento alla rata n°48 allora potrà richiedere il rimborso del premio assicurativo delle 72 rate ancora in corso (120-48=72). 

Contattaci o lascia il tuo contatto e chiariremo ogni dubbio tramite la nostra consulenza gratuita!

 

 


Leggi tutte le news

info@dgprestifin.it

finanziamenti personalizzati

Servizi finanziari in Sicilia // Consulenza finanziaria Pietraperzia - Enna - Caltanissetta DG PRESTIFIN

Tu sei qui: Home > Cessione del quinto

Scarica GRATIS l'opuscolo informativo

DG Prestifin (i nostri servizi finanziari: finanziamenti, prestiti personali, cessione del quinto)

Via Messina n° 86 ~ Caltanissetta (CL - Finanziamenti personalizzati Sicilia)

Via Mosca n° 183 ~ Pietraperzia (Enna EN - Servizi finanziari Sicilia)

Tel. 0934 585436 ~ Cell. 328 7172773 ~ info@dgprestifin.it - P. IVA 01102640867

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

sarai informato sulle nostre offerte ed iniziative

Iscriviti alla Newsletter e ricevi tutte le News

SCARICA, GRATIS, IL NOSTRO OPUSCOLO INFORMATIVO

Il mutuo per la casa in parole semplici

Scarica GRATIS l'opuscolo informativo
cessione del quinto, agenzie mutui, quinto stipendio, finanziaria mutui, prestiti finanziamenti, consolidamento prestiti, cessione quinto stipendio
Tutte le news sul mondo finanziario ~ Prestiti on line, finanziamenti e mutui a tasso fisso